Benvenuti - l'obiettivo principale di questo blog è darvi utili informazioni e gioia

Benvenuti - l'obiettivo principale di questo blog è darvi utili informazioni e gioia
NOTA IMPORTANTE: E’ possibile ripubblicare qualsiasi articolo nelle vostre pagine web, nelle vostre newsletter, nei vostri e-book o in altre vostre pubblicazioni soltanto assicurandovi che l' articolo sia riprodotto, anche parzialmente, senza alcuna modifica, includendo il nome dell’autore e il link website. Grazie

Seguimi su Google Plus

La mia foto

www.gabrielabalaj.com SCRIVIMI ATTRAVERSO IL MODULO NEL SITO OPPURE MAIL A gabrielabalaj@libero.it GRAZIE

Autrice di 6 libri tra cui "Aura.Autobiografia di una Sacerdotessa", "Fiamme Gemelle"e vari e-book

Autrice di 6 libri tra cui "Aura.Autobiografia di una Sacerdotessa", "Fiamme Gemelle"e vari e-book
CLICCA SOPRA LA FOTO PER ACQUISTARE I LIBRI

Facebook da dipendenza

La maggior parte dei notiziari classici pilotati dai potenti seguono questo schema: PROBLEMA. RE-AZIONE. SOLUZIONE; dove la soluzione te la danno ovviamente sempre loro. Poi ci sono i social "free" con le notizie prodotte da gente comune, quindi includo anche facebook, dove come facilmente si può osservare, il contenuto energetico è diventato peggiore dei notiziari classici, intendo al livello di negatività. Ho sempre paragonato facebook ad un bar, dove ognuno va nel suo bar a sentire le opinioni del suo cerchio di "amici", quindi per pura abitudine si tiene "occupata" la mente delle persone nel futile. Il sistema permette ciò perchè sa che difficilmente in un bar la gente coalizza o sviluppa una buona idea, c'è troppa confusione e si distorce tutto.

"ABBIAMO CREATO STRUMENTI CHE HANNO DISTRUTTO IL TESSUTO SOCIALE SU CUI SI BASA LA SOCIETÀ.

GLI STIMOLI DI FEEDBACK A BREVE TERMINE BASATI SULLA DOPAMINA CHE ABBIAMO CREATO, STANNO DISTRUGGENDO IL MODO IN CUI LA SOCIETÀ FUNZIONA". - Chamath Palihapitiya

All'inizio Facebook era una cosa, ora purtroppo è diventato "una galassia di coglioni e di orrori sponsorizzate"...D'altra parte il zuck fa parte dell'1% dei potenti mondiali, quindi siamo noi che lo teniamo in vita, come tutto il resto. Paghiamo i corsi persino a chi "insegna" come pagare "per avere visibilità su facebook - per imparare come creare le sponsorizzate"; cioè l'assurdo del paradossale, ci hanno convinto e paghiamo per imparare a dare i soldi al zuck-il quale nel frattempo diventa uno dei più ricchi del mondo, però ce la raccontiamo che vogliamo cambiare nel nostro piccolo il mondo, nel mentre stiamo facendo arricchire solo e soltanto quel 1% del mondo.

A 3 gg dopo le dichiarazioni della famosa Intervista di Palihapitiya contro FB ho fatto questo audio 
Ho notato con piacere che altri canali si sono occupati dello stesso tema, come lo psicologo Mauro Scardovelli a pochi giorni dopo che pubblicai il video in you tube. 

FACEBOOK É FRUTTO DELLA PATOLOGIA DELLE EMOZIONI, DEGLI AFFETTI, DELLE RELAZIONI, DEL PENSIERO. 
I VERI FILOSOFI SONO COLORO CHE AMANO L'UMANITÀ!
LA NON VIOLENZA È LA VERITÀ DELLA VITA. 
“abbiamo creato un sistema di gratificazione a breve termine di like e di feedback, guidato dalla dopamina, che sta distruggendo il modo normale in cui la società funziona: non sono cresciute né le discussioni, né la collaborazione. Ma solo la disinformazione e la mistificazione della realtà. E quello che dico non è un problema solo americano, non ha niente a che fare con i post della propaganda filorussa, ha a che fare con tutto il mondo”.-
CHAMATH PALIHAPITIYA 
Palihapitiya è stato tra i pionieri di Facebook, e dal 2007 ne è stato vicepresidente responsabile della crescita del numero degli utenti. Ma ora, nel corso di una lezione a Stanford, se ne dice pentito, a tal punto da raccomandare alle persone di prendere una pausa dai social. Lui stesso cerca “di usare Facebook il meno possibile”, e dice che ai suoi figli “non è permesso usare quella merda”!

 Facebook e altri sono riusciti a “sfruttare una vulnerabilità nella psicologia umana“. Un ex product manager dell’azienda, Antonio Garcia-Martinez, dice che Facebook ha mentito sulla sua capacità di influenzare le persone sulla base dei dati che raccoglie su di loro.

Nel suo discorso, Palihapitiya ha criticato non solo Facebook, ma l’intero sistema di finanziamento della Silicon Valley. Ha detto che gli investitori pompano denaro in “imprese schifose, inutili, idiote”, piuttosto che affrontare problemi reali...
Per leggere tutto l'articolo

Mauro Scardovelli fa un'analisi interessante sulla patologia della nostra società di cui Facebook è un indicatore. Mauro analizza e commenta l'intervista fatta a Chamath Palihapitiya, ex vicepresidente Facebook che trovate a questo link: 
LA SOCIETÀ DEI LIKE - Mauro Scardovelli
Stralcio tratto dal video di Mauro
"L'alienazione è la malattia dell'essere umano.
L'uomo alienato non è autentico. 
E l'uomo che non è autentico è un uomo che mente, dice il falso, dice bugie, dice menzogne.
LA NOSTRA SOCIETÀ É RADICATA NELLA FALSITÁ
Quindi capite bene perché oggi si parla di una società che si radica completamente nella falsità.
Perché essendoci alienati dal nostro vero sé, essendoci staccati dal nostro centro dell'uomo interiore, dove c'è coesione, allora noi siamo alienati dalla nostra verità interiore. 
E questo noi portiamo nel Mondo; e questa è la malattia che tutti noi trasmettiamo.
EDUCAZIONE ESTERIORE ED INTERIORE
Quando parliamo quindi di educazione non ha nessun senso l'educazione esteriore; la prima educazione è quella che dobbiamo fare verso noi stessi. 
Quindi capite bene che parlare del mondo esterno, senza parlare del mondo interno non è un modo di pensare dialettico, ma è un modo di pensare molto superficiale e anche se è diffuso e purtroppo è diffuso, questo indica che siamo in una società profondamente malata.
Oggi potremmo dire che è una società psicotica delirante in cui l'economia è un delirio, così com'è la finanza ancora di più e così la politica." 
INUTILE
Inutile lamentarsi, inutile andare a votare o non votare, inutile uscire in piazza o stare a casa, inutile fare per sino questo post, ma lo faccio lo stesso. 
Inutile perchè la società che abbiamo creato è troppo cieca, orrenda, schizzata, programmata, sbilanciata, basata sul benessere di 1% contro il malessere del 99%.
Abbiamo creato noi questa società orrenda, siamo solo apparentemente consapevoli del NUOVO ORDINE MONDIALE CHE CI VUOLE SCHIAVI e ci schiavizza di fatto portandoci ad essere sempre più poveri ed incapaci, programmati, formati e formattati dai pochi "potenti oscuri". Perchè se fossimo veramente consapevoli sicuramente molte cose che sono canali del male, ci rifiuteremmo di usarle e di acquistarle.
Noi oramai acquistiamo tutto convinti che pagando aumentiamo i nostri guadagni e poi facciamo del bene agli altri, convinti che se ci istruiamo bene sulla gestione del denaro, sul marketing e sul management avremmo del denaro, sempre più denaro che ci consentirà di aiutare qualcuno. E allora compriamo. Basta che paghiamo per sentirci in controllo. E il sistema ci chiede di più, tasse, servizi, generi di ogni.
Paghiamo tutte le tasse ingiuste, paghiamo i cibi marci, scaduti e spazzatura, paghiamo persino i sacchetti bio.
E come se non bastasse compriamo anche i corsi spirituali, quelli di tantra, quelli di risate e di ogni inimmaginabile business.
Inutile. Inutile. Inutile.
💙 Gαbriєℓα Bαℓαj A U T R I C E Libera. Blogger Creativa. Consulente Feng Shui

Seguimi DOVE TI PIACE
💙 Canale G+

💙 Twitter

💙 Pagina Fb

Non Perdere il prossimo video
I S C R I V I T I al mio canale YouTube!

Benedizioni !
💙 Gαbriєℓα Bαℓαj



LE DIPENDENZE DEI NOSTRI TEMPI 






Nessun commento:

Articoli interessanti

Aura. Autobiografia di una Sacerdotessa

Aura. Autobiografia di una Sacerdotessa
Richiedi la tua copia con dedica manda una e-mail all'autrice gabrielabalaj@libero.it

Aura OM

Aura OM
Home Fragrance by Gabriela Balaj
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Facebook